Officine Editoriali
PDF Stampa E-mail




LILLIPUT 

LA NUOVA COLLANA PER BAMBINI 







Non poteva mancare la collana dedicata ai bambini.


E l'abbiamo inaugurata con "Il Caffè

di Sheffield" di Ilaria Mainardi, una promettente e giovanissima scrittrice piena di fantasia e creatività.

Questa storia misteriosa e intricata invita i bambini a scoprire chi è davvero il o la protagonista di questo racconto che non possiamo definire breve ma nemmeno lungo. E' il racconto che deciderà di essere per il piccolo lettore.

In programmazione anche una collana

per i ragazzi e una per le ragazze. Mentre continuano a crescere le altre collane di narrativa e poesia.





 
Stampa E-mail



LA RECENSIONE DI "BRICIOLE DI COSCIENZA"




  


"Briciole di coscienza" ha inaugurato la nostra collana "Per altri versi" dedicata alla poesia.

"Briciole di coscienza" è la prima monografia della collana e Marcello Canepa è un giovane e promettente poeta novarese. I suoi versi sono delicati e ruvidi,  preziosi e decisi. Denunciano le sue sensazioni e le sensazioni di giovani come lui che amano il mondo in cui vivono. E quando i sentimenti possono essere espressi così semplicemente eppure in modo così leggiadro da un giovane figlio di una generazione che non ha saputo pensare al suo futuro ma solo al proprio presente; quando la globalizzazione rapisce la vita dei figli di un paese e li porta a combattere al fianco di altri giovani figli di altri paesi; quando il cuore si riempie di solidarietà e voglia di dare; quando donare significa ottenere... allora nascono piccoli capolavori come “Briciole di coscienza”, una monografia di preziose e raffinate riflessioni in versi dove l’anima e lo spirito si appagano anche se le grandi domande continuano a rimanere sospese nell’aria in attesa di grandi risposte. L’eleganza dei versi contenuti in questa monografia fanno dell’autore un promettente poeta dei nostri tempi e ci invitano a riflettere sui giovani di oggi che rappresentano il futuro e la verifica se quanto loro donato sia stato fatto con coscienza e consapevolezza.

 
PDF Stampa E-mail




LA RECENSIONE DI OSSESSIONE MORTALE DI ROSSELLA ZITO



   Jonathan Molinari è un giovane e brillante ispettore di polizia del distretto di Torino. Un mese dopo il suo trasferimento da Verbania ha inizio in città una serie di orribili omicidi. Le vittime sono tutte giovani donne dai capelli neri e gli occhi verdi, proprio come Naomi,sua madre, massacrata insieme al marito ventiquattro anni prima con le stesse modalità.

Quella sera d’estate lui aveva solo sei anni e fu l’unico testimone di tanto orrore.
Sebbene apparentemente Jonathan viva ora una vita normale, subisce ancora il suo inconscio che ogni notte popola di incubi il suo sonno.
Gli omicidi seriali che si susseguono in città sono senza dubbio una faccenda personale tra lui e il killer che tenta di colpirlo nei suoi affetti più cari. Jonathan capisce che deve fare chiarezza dentro di sé se vuole assicurare il criminale alla giustizia. Deve squarciare quel velo dietro al quale ha cercato di proteggersi per tanti anni. L’ipnosi lo aiuterà a rivivere quei momenti drammatici e dolorosi ma, soprattutto, gli rivelerà che l’assassino è molto più vicino a lui di quanto creda. In una corsa contro il tempo affronterà altri dolori per salvare la vita alle persone care mentre nel momento della resa dei conti scoprirà altre terribili verità.

"Ossessione mortale" è un romanzo che si legge tutto d'un fiato. La scrittura semplice e incalzante porta il lettore a rimanere con il fiato sospeso fino alla fine.
Nasce un nuovo personaggio, un nuovo detective che nei prossimi episodi dovrà risolvere il mistero del serial killer ma che si troverà a fronteggiare anche altri casi di "normale amministrazione". Riuscirà Jonathan a dimenticare Anna? Riuscirà a vivere la vita che merita, finalmente tranquilla e appagante?







 
LA RECENSIONE PDF Stampa E-mail


"LA LOTTERIA" DI OTELLO MARCACCI. LA RECENSIONE.


Anno solare 2802: sul pianeta Terra non esistono più le Nazioni, ma solo un grande unico Impero che ha colonizzato tutto il sistema solare. Al suo comando il Generale Popper, diventato un eroe planetario dopo aver sconfitto in un’epica battaglia sulla cintura di Kuiper i Nereidi, alieni con l’intenzione di distruggere l’umanità.

Nel grande caos che regna sovrano a causa del sovrappopolamento e delle scarsità di risorse rimaste, Popper è il punto di riferimento al quale tutti possono guardare con ammirazione, nonostante la società sia dilaniata da scontri tra le due caste dalle quali è composta: gli Intoccabili, nati con il genoma X5 che li rende immuni da ogni malattia o difetto genetico e gli assegna un’intelligenza superiore, in altre parole la razza umana perfetta, e i Normali privi di tale requisito.

Nei secoli gli Intoccabili hanno conquistato tutti i poteri e godono degli stessi privilegi dei feudatari ai tempi del medio-Evo. Sono in numero molto inferiore ai Normali e per questo hanno costruito androidi per mantenere l’ordine costituito e la pace sociale con il pugno di ferro. Per rifinanziare le casse dell’Impero prosciugato dalla guerra contro gli alieni, l’establishment decide di bandire un nuovo grande gioco, la Lotteria interstellare. Il premio del vincitore? La morte. Egli verrà infatti messo nella “camera verde” e bombardato da raggi tetra; quando ne uscirà avrà solamente 24 ore di vita. In quelle 24 ore tuttavia disporrà del potere totale e potrà fare qualsiasi cosa deciderà senza che niente e nessuno possa fermarlo. Sarà seguito per tutto il tempo da una scorta armata che lo proteggerà e da una troupe televisiva che, nel reality più bieco che sia mai stato prodotto, manderà in diretta universale minuto per minuto ogni sua azione. Il vincitore, James Baily, ex tenente di polizia in congedo, ha però un conto in sospeso con Popper. E quando sembra che abbia raggiunto la sua vendetta, Popper tira fuori il suo asso nella manica. Baily, sconfitto, reagisce a modo suo e tutto appare fin troppo prevedibile ma, proprio quando il romanzo sembra indirizzato verso un finale scontato, l'autore ci stupisce con un personaggio di terz'ordine che improvvisamente, con un colpo di genio....


 
PDF Stampa E-mail



"Edgar Morin. Cinema e immaginario" di Marco Trasciani. La recensione.





Con “Edgar Morin. Cinema e immaginario”, Marco Trasciani individua e propone al lettore i tratti essenziali della visone del cinema che caratterizza l’opera di Morin, così come è esposta nei tre scritti che sono dedicati al tema (Il cinema o l’uomo immaginario, I divi, Lo spirito del tempo).

L'autore si muove agevolmente tra ciò che Edgar Morin ha trasmesso agli altri e ciò che lui stesso ha vissuto rispetto all'esperienza cinematografica.

Descrive in maniera chiara e comprensibile il contenuto degli scritti di Morin e richiama spesso gli estimatori del sociologo e dell'arte cinematografica più in generale.

La sua narrazione è avvincente e coinvolgente tanto da essere portati a trarne un'esperienza di protagonismo, in linea con l'argomento trattato.

La molteplicità di contributi presenti nell'opera invitano ad analizzare il cinema da una prospettiva particolare: quella che mira a cogliere l’esperienza effettivamente vissuta dallo spettatore.

Nella parte finale del saggio è infine affrontata la questione della cultura di massa, dalla particolare prospettiva dell’autore, una “terza via”, né apologetica, né apocalittica. L’humus dei nostri pensieri e delle nostre vite.


Vai alla scheda libro>>>

 
PDF Stampa E-mail


Scopriamo qualcosa di più su "Quando ero come voi" di Marco Sambruna.




"Pier Paolo Pasolini 40 anni fa preconizzava [...] l'avvento di qualcosa di totalmente nuovo, sconosciuto alla storia dell'umanità.

Pasolini definiva questa nuova era come Nuova Preistoria o Nuova Religione. 

A partire da questa profezia pasoliniana mi sono domandato in che misura essa si è concretizzata.

Sono giunto alla conclusione che la profezia si è compiuta totalmente e che oggi vediamo in modo conclamato ciò che 40 anni fa il letterato aveva immaginato" 

Da qui Marco Sambruna rappresenta in "Quando ero come voi" la Nuova Religione che domina l'attuale società nella quale si è inserita stabilmente da diverso tempo e dove ha trovato la sua massima espressione soprattutto nel mondo del lavoro.


"Quando ero come voi" dunque non verte principalmente sul mondo del precariato benché questo rappresenti il personaggio principe del romanzo ma descrive proprio il nuovo modo di vivere all'interno della Nuova Religione, facendo i dovuti distinguo, naturalmente, perché, all'interno di questo nuovo modus vivendi esistono le gerarchie che dettano i ruoli e di conseguenza i destini.


Alla fine Marco Sambruna, nel personaggio di Marco Guidi, si chiede se aderire o meno alla Nuova Religione che, d'altronde, risucchia tutti nei suoi vortici di sopraffazione, angherie, furbizie malcelate e addirittura sfacciatamente esibite.

 
PDF Stampa E-mail

Officine Editoriali al Salone dell'Editoria Sociale di Roma

Evento Officine Editoriali nell'ambito del IV Salone dell'Editoria Sociale di Roma svoltosi il 21 Ottobre 2012


 
Il Fatto Quotidiano parla di noi. PDF Stampa E-mail



IL FATTO QUOTIDIANO PARLA DI NOI

alt

 
PER LEGGERE GLI EBOOK PDF Stampa E-mail

I nostri ebook, come tutti gli e-book, si possono leggere su appositi dispositivi, e-reader, o sul PC.


Gli ebook possono avere diversi formati. Tra i più popolari e quello più versatile, che si può leggere su quasi tutti i dispositivi, è il formato ePub.


Per leggere un ebook in formato ePub su di un  PC si può scaricare gratuitamente Adobe Digital Edition, un software che vi permette di leggere questo formato. Scaricatelo cliccando qui.


Un altro formato di e-book, anch'esso molto diffuso, è il formato mobi, il formato proprietario di Amazon che per leggere gli e-book, utilizza il suo proprio dispositivo, chiamato Kindle. 

Potete scaricare il software che vi permette di leggere un e-book in formato mobi cliccando qui.


Per ulteriori informazioni scrivete a:


Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.


BUONA LETTURA!

 
Intervista di presentazione Officine Editoriali PDF Stampa E-mail

L'intervista è stata realizzata lo scorso 8 Giugno in occasione del Primo Festival Itinerante della Letteratura di Milano nella bella sede dell'Ostello Bello, sempre a Milano.

L'intervista è stata realizzata da Giovanni Dalla Bona di Libriamo Tutti che ha contribuito anche alla realizzazione e all'organizzazione del Festival.

Da allora sono passati tre mesi e oserei dire che non abbiamo l'esatta percezione del tempo che scorre visto che avevamo ipotizzato l'uscita del primo ebook pochi giorni dopo. Invece sono passati tre mesi, anche se a nostra discolpa e giustificazione vogliamo dire che cerchiamo sempre di fare le cose fatte bene. Dunque anche utilizzando del tempo in più.

Dal 3 Settembre infatti è uscito veramente il primo ebook - Ma il burro lo stavo mangiando io! - ed è possibile leggere la scheda ed acquistarlo nella pagina "ebook" di questo sito. Potete anche aggiungere i vostri commenti e chiedere informazioni. 

Su questo link potete godervi l'intervista

http://www.libriamotutti.it/2012/09/mara-pantanella-presenta-il-progetto-officine-editoriali/

Vi informiamo anche che ad Ottobre prossimo, dal 18 al 21, saremo presenti alla IV Edizione del Salone dell'Editoria Sociale di Roma a Testaccio nei locali di Porta Futuro.

Nella sala e nel tempo a nostra disposizione, esattamente Domenica 21 Ottobre dalle ore 10:30 alle 12:00, interverranno vari relatori per la presentazione di Officine Editoriali, di alcune delle opere pubblicate e che animeranno un dibattito sul Diritto D'Autore.

Seguiteci su questo sito e rimanete aggiornati!

 
«InizioPrec.123Succ.Fine»

Pagina 2 di 3