Il posto di ciascuno

Cinque racconti, cinque spaccati di vita, cinque finestre aperte su altrettante realtà. I protagonisti de “Il posto di ciascuno” di Tommaso Aramaico, vengono chiamati ad affrontare inferni domestici, sociali e personali, lì dove non è più possibile rimandare o delegare ad altri. I due fratelli, i cui ruoli vengono a capovolgersi dopo il tentativo di suicidio di uno dei due. Le vicissitudini di Leo Majol, giovane impiegato che non è più in grado di tenere insieme vita reale e fantasmi interiori. Salvatore Tartaro, un falegname che, messo in ginocchio da un’amputazione, non riesce a far fronte a un passato che si ripresenta più feroce che mai. Lia e Lea, l’isolamento di una madre dopo la scomparsa della prima figlia, a scapito degli altri. Una barchetta di legno per decenni lasciata al centro di un giardino e fatta a pezzi dal padre. Una domenica Michele, un adolescente perso nella cura dei fratelli, negli interrogatori della madre, nelle ambigue lusinghe del padre, costretto a mediare situazioni più grandi di lui. Mantenendo un equilibrio fra realismo e dimensione fantastica, “Il posto di ciascuno” rappresenta il conflitto fra individuo e famiglia, la prevaricazione dei genitori sui figli. La ricerca di un posto nel mondo nonostante tutto, l’emancipazione dal passato, la costruzione di una condizione migliore sono i temi portanti di questa raccolta di racconti, laddove i genitori hanno irrimediabilmente fallito.
Disponibile su:

IBS
laFeltrinelli

Lascia un commento