PDFStampaE-mail


Olio di mandorle amare
Visualizza Ingrandimento


Olio di mandorle amare

( Soncina Antonio )


Chiedi un'informazione riguardo questo prodotto

Prezzo:
Editore
Collana:
Data uscita:
Lingua: 
Formato:

€ 3,99
Officine Editoriali
Narrativa Universale
29/09/2013
Italiano
ePub - mobi

Gela, 1982. Paolo ha quasi sette anni e da qualche mese vive nel collegio dove l’ha lasciato sua madre Maria, donna dalla personalità chiusa. Una domenica Daniela, amica della madre sin dai tempi delle superiori, lo porta a vivere con sé. Maria è scomparsa da un paio di giorni e si teme il peggio. Lei stessa ha lasciato disposizioni alla direttrice dell’istituto affinché Paolo venga affidato a Daniela. Nella nuova casa, il bambino trova il diario che la mamma aveva nascosto in un armadio. Attraverso le pagine Paolo, con il suo candore, scopre la profonda amicizia – forse qualcosa di più – tra le due donne, oltre al segreto custodito da Daniela e le ragioni dietro la scomparsa di Maria. Che fine ha fatto la mamma di Paolo? Che legame c’è fra lei e Daniela?Sullo sfondo, l'impianto petrolchimico costruito vent'anni prima e che ormai rappresenta solo sogni infranti e i pregiudizi di una società meridionale che mette il buon nome della famiglia davanti a tutto.




:

Recensioni Clienti:

dricerca  (Sabato, 25 Gennaio 2014)
Valutazione: 4
Leggere vite e sentimenti femminili narrati da un uomo è un'esperienza singolare e gratificante, specie quando l'uomo che ne scrive è in grado di coglierne la difficoltà e la complessità, filtrate dagli occhi innocenti e allo stesso tempo precocemente adulti di un bambino. Paolo, piccolo grande esemplare di uomo di neanche 7anni, riesce a cogliere la sofferenza della madre, a giustificarne le mancanze e ad accogliere la forma di amore che porta a nuova vita tre persone. Con un affascinante susseguirsi di flashback innestati in un presente che faticosamente si trascina in salita, le vite di Maria, Paolo e Daniela ci mettono di fronte al dramma umano costellato di sensi di colpa, di inadeguatezza, di diffidenza e dalla sensazione spesso prevalente del nuotare controcorrente, a volte rischiarato da momenti di solidarietà umana e dai capricci del caso che si diverte a fare incrociare le strade degli esseri viventi, a volte con esiti nefati, altre volte con esito risolutivo. Il tutto in uno scenario ormai passato in cui si intravedono i primi germi di quella che è oggi la nostra modernità, con la quale condivide gli ostacoli del perbenismo, della necessità di conformismo e del disagio materiale che, messi insieme, portano all'irrigidimento, ad un progressivo inaridirsi del cuore, alla difficoltà di sperare e, cosa ancora peggiore, alla paura, di tutto e soprattutto dei sentimenti. La mano che spalma l'olio di mandorle arriva ad essere quella che accarezza l'anima quando tutto sembra amaro e perduto. Due donne che tornano ad essere donne, un bambino restituito al mondo dell'infanzia, un padre da riscoprire e un giovane che vede uno spiraglio di luce per la sua arte da far conoscere ad un mondo amaro ma a volte disposto a raccogliere chi si era perso.